ANDORA FORUM
ENTRA VELOCEMENTE NEL FORUM DI ANDORA
ANDORA FORUM

TUTTO CIO' CHE RIGUARDA LA CITTADINA DI ANDORA


Non sei connesso Connettiti o registrati

Mountain bike, Mirko Celestino è campione italiano Marathon

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Exaltorade

avatar
MODERATORE
MODERATORE
Andora. C’era andato vicino nel 2006 da professionista su strada e lo scorso anno gli era sfuggito quando mancava poco al traguardo. Ieri a Montebelluna Mirko Celestino ha vinto allo sprint il suo primo titolo tricolore, al termine di una gara massacrante. Una vittoria che vale una stagione e porta il Team Axevo Alba-Orobia Bike al vertice della mountain bike nazionale.
Il successo di Montebelluna per Mirko Celestino è stata un’emozione fortissima, una vittoria sofferta fino all’ultimo, voluta e cercata fino all’ultimo metro. Sono passati nove mesi da quell’inizio di settembre in cui a Casatenovo Mirko aveva visto sfumare per una banale scivolata la maglia tricolore Marathon a poche centinaia di metri dal traguardo. Ieri sul Montello si sono ritrovati faccia a faccia gli stessi tre atleti che si sono giocati il titolo 2008: Mike Felderer, Gilberto Simoni e Mirko Celestino, che ha strappato sul rettifilo finale della “Gunn Rita Marathon” la maglia di campione italiano Marathon a Felderer.
E’ stata una vittoria cercata, costruita, voluta e sofferta fino all’ultimo e arrivata al termine di uno sprint in corso Mazzini, gremito di pubblico, dove già lo scorso anno Mirko aveva conquistato la sua prima vittoria importante in mountain bike, vittoria che quest’oggi ha avuto il sapore tricolore. ”Dedico questa mia vittoria ai miei compagni di squadra infortunati Oscar Lazzaroni e Andrea Giupponi che avrebbero voluto essere anche loro in gara oggi a darmi il loro appoggio e a tutto il team Axevo-Alba Orobia Bike che è stato determinante per la mia vittoria. E’ stata una gara molto difficile per il fango, ho avuto l’opportunità di provare il percorso in settimana e mi sono reso conto che il fango sarebbe stato una componente determinante per la gara. Con il team abbiamo organizzato perfettamente l’assistenza in gara curando particolarmente la lubrificazione della catena: è stata una strategia vincente a cui è stata determinante anche la mia splendida condizione. Questa è la mia prima maglia tricolore da quando corro, sin da ragazzino l’ho inseguita e indossarla oggi, nella mia seconda carriera sportiva è magnifico”.
Hanno pagato l’esperienza e la tattica in una corsa durissima, ma anche la classe e la convinzione di poter riprendersi quello che nove mesi fa era sfuggito. Così Mirko si è subito collocato nel drappello dei migliori e ha saputo attendere con tranquillità, incurante della fuga solitaria messa in atto da Pierluigi Bettelli che dopo la terza ora di gara si è esaurita chiarendo i ruoli dei pretendenti al titolo: Gilberto Simoni, Mike Felderer e Mirko Celestino. Negli ultimi chilometri, come nello scorso settembre in Brianza, sono rimasti loro tre i protagonisti del percorso Extreme della “Gunn Rita Marathon”. Ci hanno provato dapprima Simoni e poi Felderer a fare il forcing, entrambi già tricolori marathon nel 2006 e nel 2008, ma quando il professionista trentino ha gettato la spugna sono rimasti Mirko e Felderer ad affrontarsi a viso scoperto. Nel finale Felderer ha cercato di sorprendere Mirko che gli ha reso il favore e non ha mollato nemmeno quando sono comparsi i crampi in un tratto da percorrere a piedi. Ieri era la sua giornata e il biker andorese è diventato il nuovo campione italiano Marathon battendo nettamente allo sprint il suo avversario.

E bravo Mirko...!
Smile

Visualizza il profilo http://www.simolimo.it

Exaltorade

avatar
MODERATORE
MODERATORE
Mountain bike, “Granfondo dei Longobardi”: Celestino secondo
Andora. Mirko Celestino si è piazzato al secondo posto nell’11° “Granfondo dei Longobardi”. Dopo una settimana di vacanza in Liguria, il ciclista andorese ha ripreso a gareggiare ritrovando subito il podio nella manifestazione svoltasi nella fascia transfrontaliera che dal Mendrisiotto, in Svizzera, segue il corso del torrente Lanza, in provincia di Como, sino alla sua confluenza nel fiume Olona in provincia di Varese. La prova era valida quale tappa del Circuito Windtex, Coppa Lombardia e Valli Lombarde. Partenza e arrivo erano situati a Cagno. Il tracciato Marathon prevedeva 57 chilometri per 1400 metri di dislivello.
La gara è stata vinta dal russo Alexey Medvedev, con Mirko nel ruolo di unica seria minaccia a cercare di contrastare la sua vittoria. Quando Medvedev ha sferrato il primo attacco, il solo ad arginare la sua fuga è stato proprio Celestino. Quest’ultimo però alla fine ha lasciato l’iniziativa al russo, il quale ha comunque dovuto impegnarsi fino alla fine per garantirsi la vittoria. Terzo posto per Mirko Pirazzoli; a seguire Marzio Deho, Massimiliano Milan, Marco Trentin, Ivan De Gasperi, Renato Reinaudo, Samuele Porro, Simone Diviggiano. In campo femminile vittoria di Elena Gaddoni davanti a Sandra Klomp e Michela Benzoni.

Visualizza il profilo http://www.simolimo.it

Exaltorade

avatar
MODERATORE
MODERATORE
Mountain bike, Celestino ha chiuso la stagione con la “Roc d’Azur”
Andora. Finale di stagione esaltante per Mirko Celestino che, per la prima volta, ha partecipato alla nota “Roc d’Azur” dove, senza ambizioni di classifica, ha concluso la sua seconda stagione in mountain bike.
Era iniziata a fine gennaio la stagione dell’andorese e si conclusa domenica in Francia, in Costa Azzurra, dove per la prima volta il campione italiano marathon ha visto i sentieri del Massif de Maures, concludendo la sua prima “Roc d’Azur” in 43° posizione a 15’ circa dal vincitore Roel Paulissen. Una bella conclusione di stagione, in una delle più affascinanti manifestazioni del panorama internazionale, a cui Mirko ha voluto partecipare senza particolari ambizioni.
Andora dista meno di 2 ore da Frejus ed ora che Mirko è tornato a vivere in Liguria, l’occasione di essere al via della grande gara internazionale, vicino a casa, è stata presa al balzo. “E’ la prima volta che venivo qui in Francia per questa grandissima manifestazione – ha detto dopo l’arrivo Celestino –. Sono partito questa mattina presto da casa mia e ho preso il via della ‘Roc d’Azur’ senza mai avere visto il percorso. All’inizio ero nel primo gruppo, poi nelle prime discese ho preferito essere prudente, chi le conosceva scendeva forte tra le rocce, io che non ambivo a particolari risultati, visto anche il mio stato di forma attuale, ho preferito guidare e divertirmi. La gara mi è piaciuta moltissimo e quando ho trovato Massimiliano Milan che invece conosceva bene il percorso, ho proseguito con lui fino al traguardo”.
“E’ stata una bellissima giornata – ha dichiarato Mirko – un degno finale di una lunga stagione nella quale ho fatto 31 gare, vincendone quattro, tra cui quella di Montebelluna che mi ha regalato il tricolore marathon, ma che mi ha anche visto in altre sette occasioni sul podio delle marathon italiane. Nei prossimi giorni deciderò i programmi per l’anno prossimo. Gli obiettivi saranno gli stessi di quest’anno, di certo voglio venire di nuovo qui alla ‘Roc d’Azur’ e fare seriamente la gara. Il livello qui è altissimo, chiudere la stagione con un ottimo risultato è il miglior ricordo per l’inverno”.

Visualizza il profilo http://www.simolimo.it

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum